Francesco Ruffini

Is your surname Ruffini?

Research the Ruffini family

Share your family tree and photos with the people you know and love

  • Build your family tree online
  • Share photos and videos
  • Smart Matching™ technology
  • Free!

Francesco Ruffini

Birthdate:
Death: March 29, 1934 (70)
Immediate Family:

Son of Martino Ruffini and Elisa Ruffini
Husband of Ada Ruffini
Father of Edoardo Ruffini Avondo
Brother of Alfredo Ruffini

Managed by: Tommaso Rayneri
Last Updated:

About Francesco Ruffini

Nato il 10 Aprile 1863, a Lessolo, nel Canavese, perse il padre in tenera età. La madre, amministrando una piccola proprietà agricola, riuscì a farlo studiare, cosicché egli si laureò in Diritto canonico, nel 1886, ottenendo la libera docenza nel 1891, nonché la nomina, in seguito ad un concorso, di professore straordinario all'Università di Genova. Tornato a Torino nel 1899, insegnò Diritto ecclesiastico dal 1908 fino a quando, rifiutandosi di giurare, gli fu tolta la cattedra e l'insegnamento e con essa la ragione d'essere della sua esistenza. Divenuto ben presto un punto di riferimento per studiosi e studenti di Diritto, nonché figura di rilievo nazionale in quanto editorialista del “Corriere della Sera”, esponente del Liberalismo italiano, Senatore del Regno, Ministro dell'Istruzione del Governo Boselli1916-1917, si oppose senza tregua al Fascismo, che denunciò a viso aperto ed in maniera intransigente. “Tre interventi memorabili coi quali s'oppone ai provvedimenti liberticidi, con cui il regime sta definendo le fondamenta dello Stato totalitario in corso di costituzione. Quello contro la Massoneria è un provvedimento col quale – afferma Ruffini - «per colpire la Massoneria si è finito per colpire il Diritto di Associazione in genere, il quale con l'oggetto reale e specifico della legge non avrebbe dovuto avere nulla a che vedere. Oltre a quello apparente, c'è dunque nella legge un intento recondito. In altre parole, per arrostire il pollo, ormai molto spennacchiato, della Massoneria, si è appiccato il fuoco al grandioso, imponente edificio del diritto di associazione». E ancora a difesa di una libertà, la libertà di stampa questa volta, minacciata dal disegno di legge che introduce molteplici limitazioni al suo svolgersi, s'alza la voce di Ruffini in Senato, nella seduta del 15 Dicembre. Un attacco pernicioso, quello contro i giornali, perché «la libertà di stampa è veramente la chiave di volta di tutto l'edificio delle pubbliche libertà, tolta la quale, tutto l'edificio si sfascia e precipita». Un terzo anello liberticida viene a saldarsi di lì a pochi giorni e Ruffini, il 19 dicembre, prende ancora la parola contro il disegno di legge che prevede che possano essere dispensati dal servizio i funzionari dello Stato che «per ragione di manifestazioni compiute in ufficio o fuori ufficio» si pongano «in condizioni di incompatibilità con le generali direttive politiche del governo». È la legge che consente... di allontanare dalla scuola numerosi insegnanti non allineati con il regime”. Il 12 Maggio 1928, intervenne contro il Disegno di Legge, che prevedeva la soppressione della Camera dei Deputati e la sua sostituzione con 400 persone, scelte dal Gran Consiglio del Fascismo ed inserite in una lista, poi sottoposta a plebiscito; al momento della votazione, solo 3 votarono NO: Ruffini, Albertini e Federico Ricci. Votò contro il Concordato dell'11 Febbraio 1929 e rifiutò il giuramento del 1931; così, venne cacciato sia dall'Università, sia da tutte le Accademie scientifiche di cui faceva parte da molto tempo. Morì, il 29 Marzo 1934.

view all

Francesco Ruffini's Timeline

1863
April 10, 1863
1901
April 25, 1901
Turin, Turin, Piémont, Italy
1934
March 29, 1934
Age 70