Pope Paolo IV Carafa

Is your surname Carafa?

Research the Carafa family

Pope Paolo IV Carafa's Geni Profile

Records for Giovanni Pietro Carafa

17,982 Records

Share your family tree and photos with the people you know and love

  • Build your family tree online
  • Share photos and videos
  • Smart Matching™ technology
  • Free!

Related Projects

Giovanni Pietro Carafa

Dutch: Gian Pietro Carafa
Birthdate: (83)
Birthplace: Avellino, Campania, Italy
Death: August 18, 1559 (83)
Rome, Rome, Lazio, Italy
Immediate Family:

Son of Giovanni Antonio Carafa and Vittoria Camponeschi
Brother of Beatrice Carafa; Diana Carafa; Elisabetta Carafa and Giovanni Alfonso Carafa, Conte di Montorio

Occupation: Pope
Managed by: Private User
Last Updated:

About Pope Paolo IV Carafa

See https://en.wikipedia.org/wiki/Pope_Paul_IV for details of his live.

About Pope Paolo IV Carafa (italiano)

Paolo IV, nato Gian Pietro Carafa (in latino: Paulus IV; Capriglia, 28 giugno 1476 – Roma, 18 agosto 1559), fu il 223º papa della Chiesa cattolica dal 1555 alla morte.

Biografia

Gian Pietro Carafa nacque il 28 giugno 1476 a Capriglia, in Irpinia, da Giovanni Antonio dei conti Carafa della Stadera, una delle più nobili famiglie del Regno di Napoli, e da Vittoria Camponeschi, figlia di Pietro Lalle, ultimo conte di Montorio; fu il terzo di nove figli. La famiglia affidò la sua educazione allo zio cardinale Oliviero Carafa. Raffinato cultore di lettere e mecenate[1], lo avviò allo studio del greco e dell'ebraico.

Notate le sue qualità, lo introdusse alla corte del pontefice Alessandro VI. Prestò servizio dapprima come cameriere pontificio, poi fu protonotario apostolico. Quando lo zio Oliviero, vescovo di Chieti, lasciò la cattedra episcopale, al suo posto fu nominato il nipote Gian Pietro. Egli fu consacrato il 18 settembre 1505. L'anno successivo prese possesso della diocesi e vi rimase fino al 1513.

Tornò a Roma per partecipare al Concilio Lateranense V, poi fu impegnato in missioni diplomatiche in Inghilterra (dove conobbe Erasmo da Rotterdam), nelle Fiandre e in Spagna. Durante il breve regno di papa Adriano VI (1522-23) partecipò alla riforma della Curia romana avviata dal pontefice olandese.

Nel 1524, Clemente VII permise al Carafa di rinunciare ai suoi benefici e di entrare nell'Oratorio del Divino Amore, a Roma: qui conobbe Gaetano Thiene, con cui decise di fondare l'ordine dei Chierici regolari teatini (dal nome latino della città di Chieti, Teate). Nel 1527 scampò al Sacco dei Lanzichenecchi e si rifugiò a Venezia, dove rimase fino al 1534.

Appoggiò la decisione di papa Paolo III (1534-1549) di convocare un concilio ecumenico[2] Richiamato a Roma da Paolo III, fu creato cardinale (1536) ed inserito nella commissione di riforma della Curia romana, che nel 1537 produsse un importante ed inattuato documento, il Consilium de Emendanda Ecclesia.

Il 7 gennaio 1538 entrò nella Commissione incaricata di preparare il Concilio ecumenico. La commissione fu ampliata con l'ingresso di nuovi cardinali; anche le tematiche da affrontare furono ampliate, includendo la riforma della Curia romana e dei suoi funzionari (27 agosto 1540).

Tra i due schieramenti in cui si divideva il collegio cardinalizio dell'epoca, gli intransigenti (intenzionati a reprimere qualsiasi forma di eresia) e gli spiritualisti[3], il Carafa si collocò tra i primi. Rispetto alle due grandi potenze europee dell'epoca, l'impero e il regno di Francia, si schierò col partito francofilo[2]. Nel 1542 il Carafa riuscì ad ottenere da Paolo III l'istituzione della Congregazione della sacra romana e universale Inquisizione (bolla Licet ab initio del 21 luglio 1542). Fino ad allora l'inquisizione era stata gestita dalle singole diocesi. Il provvedimento creava un organismo centralizzato incaricato di vigilare sulle questioni della fede e della difesa della Chiesa dalle eresie. Lo stesso Carafa ne fu il primo presidente.

Partecipò al Concilio di Trento (1545-1563) ed a tre conclavi.

Morte e sepoltura

Paolo IV morì all'età di 83 anni la sera del 18 agosto 1559. Fu sepolto inizialmente nella Basilica Vaticana. L'aver sviluppato l'Inquisizione gli portò il rancore del popolo romano, che all'indomani della morte ne decapitò la statua in Campidoglio.

Nel 1565 le sue spoglie furono tumulate nella Basilica di Santa Maria sopra Minerva.

https://it.wikipedia.org/wiki/Papa_Paolo_IV

Over Paus Paulus IV (Nederlands)

Paus Paulus IV, geboren als Giovanni Pietro Carafa (Capriglia Irpina, 28 juni 1476 – Rome, 18 augustus 1559) regeerde vanaf 23 mei 1555 tot zijn dood als paus over de Rooms-katholieke Kerk en over de Pauselijke Staat.

Carafa stamde uit Napels. Hij werd bisschop van Chieti. Met de heilige Gaetano van Thiene richtte hij in 1524 de orde der Theatijnen op. Deze orde dankt haar naam aan de Latijnse benaming voor Chieti, Theatine. Paus Paulus III verhief hem tot kardinaal en schakelde hem in bij de inquisitie. Hij stelde in die hoedanigheid de Index van verboden boeken in. Van 1549 tot 1555 was hij aartsbisschop van Napels. Hij weigerde het Concilie van Trente te heropenen. In 1559 kondigde hij een nieuwe indeling van de bisdommen af voor de Habsburgse Nederlanden. Verder gaf hij de opdracht aan Daniele da Volterra, die sindsdien spottend "il braghettone" (de broekenmaker) wordt genoemd, de naakte figuren uit "Het Laatste Oordeel" van Michelangelo van schaamlappen te voorzien.

https://nl.wikipedia.org/wiki/Paus_Paulus_IV

view all

Pope Paolo IV Carafa's Timeline

1476
June 28, 1476
Avellino, Campania, Italy
1559
August 18, 1559
Age 83
Rome, Rome, Lazio, Italy